Il giornalismo sul web non gode di buona salute.

Anche il giornalismo digitale non trova un modello di business sostenibile. Dopo i licenziamenti avvenuti a Buzzfeed, Vice, HufPost, leggo su Niemanlab (http://bit.ly/2MLOwhw), che "uno dei mantra che accompagnano questo round di licenziamenti è quello di dare la colpa al 'duopolio' di Google e Facebook". Secondo Jeff Israely, autore dell'articolo, ex corrispondente estero della rivista … Continua a leggere Il giornalismo sul web non gode di buona salute.

Lettori sempre più insoddisfatti del giornalismo schierato.

Cresce l'insoddisfazione globale dei lettori nei confronti dell'industria della notizia (editori e giornalisti). Ad alimentarla, negli Stati Uniti, sono i sostenitori delle varie correnti politiche. Secondo uno studio di Pew Research condotto in 38 differenti paesi, la gran parte della gente intervistata a tal proposito, afferma di volere dai media servizi giornalistici che non siano … Continua a leggere Lettori sempre più insoddisfatti del giornalismo schierato.

Fine della corsa per ostruzione stradale. Gli editori digitali non corrono più.

Le metafore possono essere tante. Su Linkedin, ho preferito quella navale: "Gli editori digitali puri, ammainano le vele. Fine del vento in poppa." La sostanza è la stessa. BuzzFeed, Mashable, Yahoo, Medium ... la lista è lunga e l'elenco dei tagli al personale e/o la riduzione dei profitti continua a crescere, afferma Ken Doctor su NiemanLab. … Continua a leggere Fine della corsa per ostruzione stradale. Gli editori digitali non corrono più.