Google vuole che gli editori passino al programmatic

Bonita Steward vicepresidente di Google, responsabile di Global Partnerships si chiede perché molti editori non abbiamo ancora adottato il programmatic:

“Siccome gli inserzionisti sono passati dal tradizionale al digitale, i più importanti gruppi editoriali sono riusciti a sopravvivere adeguandosi a questo cambiamento.
E così sono passati alla pubblicità programmatica, dove inserzionisti ed editori utilizzano una piattaforma digitale comune per acquistare e vendere pubblicità online.
Nonostante questo spostamento, molti editori continuano a vendere la maggior parte dei loro prodotti pubblicitari premium in modo tradizionale.”

Probabilmente perché molti editori si sono accorti che vendere la pubblicità tramite gli intermediari è una gran fregatura.

Un conto è vendere delle licenze di pesca, un altro è vendere il pesce, per giunta tramite un intermediario, che vuole la percentuale e non sai mai perché ha venduto quello degli altri e non il tuo.

https://hbr.org/sponsored/2020/02/arming-publishers-to-migrate-to-automated-sales-processes-2


Foto di Sasin Tipchai da Pixabay

Vuoi commentare?