Link

La fine dell’età dei lumi del giornalismo – L’Osservatorio europeo di giornalismo (Ejo) 

http://it.ejo.ch/cultura-professionale/giornalismo-disinformazione-illuminismo

Stephan Russ-Mohl

Mentre a casa nostra, discutiamo su chi abbia diritto o meno a definirsi giornalista, in base ai corsi frequentati o al pagamento della membership al club dell’ODG, in altri paesi si discute sul ruolo sempre più effimero e ininfluente del giornalismo e sulla perdita di rilevanza nei confronti del pubblico.
” … un crescente numero di spin doctor molto professionali, così come citizen journalists ingenui e i troll (tra cui non solo quelli umani, ma anche quelli artificiali, i cosiddetti social bot) possano inondare le offerte mediatiche con disinformazione preparate e mirate. ”
E nel paragrafo successivo: “Gli algoritmi di Google e Facebook o i social bot attivi su Twitter contribuiscono a moltiplicare e distribuire le teorie del complotto, creando anche delle filter bubble in cui la disinformazione e le leggende urbane circolano all’interno dei social media. “