Facebook butta un osso agli editori.

https://wordthy.wordpress.com/2011/08/18/bone/

Foto da: https://wordthy.wordpress.com/2011/08/18/bone/

Non è un segreto che il sentimento che gli editori nutrono per Facebook sia di odio-amore. Così esordisce oggi Erik Sass nel suo articolo pubblicato su mediapost.com.

“Comunque sia – prosegue Erik – Facebook è desiderosa di porre un rimedio e fare ammenda o, al limite [possiamo dire], di buttare un osso agli editori offrendo loro un nuovo servizio che permetterà agli utenti di acquistare abbonamenti online o pagare per le notizie lette.”

Stando a notizie apparse sul WSJ e riportate anche dal NYT, durante il Digital Publishing Summit tenuto a New York il 17 e 18 luglio, Campbell Brown, il responsabile Facebook per le partnerships con gli editori, ha illustrato i progetti per fornire strumenti che permettano loro di far pagare ai lettori i contenuti erogati vuoi dalla piattaforma Instant Article, vuoi direttamente dai propri siti una volta che il lettore ci arriva tramite Facebook.

Il sistema funziona come un paywall e permetterà la lettura ad esempio di 10 articoli gratuiti per poi invitare a sottoscrivere abbonamenti nel caso si desiderasse leggerne ulteriori.

Ultimo aggiornamento da il .

Vuoi commentare?